comunicazione efficace

Tecniche di Comunicazione: Quali Sono le Più Efficaci ed Immediate?



In quanto “animale sociale”, l’uomo trascorre la maggior parte della propria esistenza a contatto con le altre persone, interagendo con loro su base quotidiana. Non si può, quindi, prescindere dall’imparare ad intrattenere con gli altri delle relazioni sociali costruttive e soddisfacenti.

Esistono, a questo scopo, delle tecniche di comunicazione ben precise che, se applicate ed affinate con costanza nel tempo, possono aiutarci a raggiungere gli obiettivi che ci prefiggiamo quando comunichiamo con il nostro interlocutore. Quegli stessi obiettivi che spesso non raggiungiamo quando qualcosa va storto durante la comunicazione.

L'ascolto attivo


Al giorno d’oggi, si parla spesso della cosiddetta “mancanza di comunicazione”, al punto che la stragrande maggioranza dei problemi di natura interpersonale vengono ricondotti proprio a questo. Ed è opinione condivisa che, quando non si riesce a comunicare, uno dei due partecipanti all’interazione non sa ascoltare.

Ma perché accade questo?

A mio avviso, troppo spesso le persone danno per scontato la propria capacità di ascoltare, ritenendola alla stregua di un’abilità innata, connaturata all’essere umano.

Per questo motivo, durante un’interazione sociale molti dedicano la maggior parte delle proprie energie mentali all’elaborazione del proprio messaggio, prima ancora di aver compreso davvero il senso e la direzione dello sforzo comunicativo dell’interlocutore.

Probabilmente conosci anche tu qualcuno con questa brutta abitudine di interrompere continuamente gli altri prima che finiscano di esporre il proprio punto di vista.

Si tratta di persone che prestano più attenzione a se stessi che al proprio interlocutore durante l’atto comunicativo e, conseguentemente, avranno enormi difficoltà ad intrattenere relazioni sociali pienamente soddisfacenti.

E non può esserci sintonia, vera comunicazione, se i due interlocutori non sono sintonizzati  sulla stessa frequenza, ma viaggiano su due binari perpendicolari.

Ascoltare in modo attivo significa analizzare il messaggio che ci viene comunicato, interpretandolo dal punto di vista di chi ce lo trasmette. Significa analizzare non solo il contenuto verbale del messaggio (le parole che ascoltiamo), ma anche – e soprattutto – i sentimenti e le idee che ne sono alla base.

In questo senso, quindi, l’ascolto attivo può essere paragonato ad una sorta di rapporto empatico che si viene ad instaurare fra i due interlocutori.

Di seguito, elencherò alcuni suggerimenti utili per chi desidera affinare la propria capacità di ascoltare in modo attivo.

Evita di distrarti durante la comunicazione

Può sembrare facile, ma non lo è. La capacità di restare concentrati è di per sé una delle abilità più difficili da sviluppare, ma lo è ancora di più quando si sta comunicando con qualcuno di persona (ad esempio parlando di fronte ad un pubblico).

Studi dimostrano che, nel corso dell’interazione comunicativa, il livello di attenzione diminuisce progressivamente per poi aumentare nuovamente verso la fine del messaggio.

Non ostentare superiorità

Anche se le tue conoscenze sono effettivamente maggiori rispetto a quelle del tuo interlocutore, non farglielo mai notare neanche inconsciamente. E’ molto facile, in caso contrario, attirare l’antipatia della persona che ci ascolta.

Non dilungarti troppo

Dilungarsi eccessivamente a parlare delle nostre esperienze personali, seppur legate all’argomento della conversazione, può essere deleterio ai nostri fini comunicativi.

Il nostro interlocutore, infatti, molto spesso non desidera altro che arrivare “al punto”. E’ senz’altro un bene arricchire la conversazione, ma è consigliabile evitare di risultare troppo egocentrici e prolissi.

Non sminuire i problemi degli altri

Evita di sminuire, o addirittura negare l’esistenza di un problema o una situazione difficile della quale ci sta parlando l’interlocutore. E questo, senza dubbio, è uno degli errori più comuni e distruttivi che vengono commessi nel corso delle interazioni sociali.

Questa cattiva abitudine non è altro che l’esatto contrario dell’empatia. Ci impedisce di comunicare in modo efficace, ed ha come conseguenza inevitabile l’allontanamento del nostro interlocutore.

Pensaci per un attimo. Immagina di avere grosse difficoltà ad interagire con un tuo collega particolarmente maleducato o poco professionale, e di decidere di andare a parlarne al tuo capo in preda all’esasperazione.

Se quest’ultimo rispondesse “Ma dai su, cosa vuoi che sia; prova ad ignorarlo e si risolverà tutto” ti sentiresti particolarmente in sintonia con lui?

Non esporti prima del tempo

Non offrire soluzioni prima di aver compreso adeguatamente la natura del problema, ed essere sicuro che non ci siano alternative migliori.

Non interrompere

Evita in tutti modi di l’interlocutore prima che abbia finito di esprimersi. Anche se sei un buona fede, il tuo comportamento sarebbe interpretato come un segno di maleducazione e di scarso interesse.

Fornisci feedback verbali e non verbali

Emettere durante la fase di ascolto segnali verbali "riempitivi": “mmm mmm”, “certo”, “capisco” o semplicemente fare cenno di sì con il capo e alternare le espressioni facciali (senza esagerare) a seconda del tipo di emozioni provate dall'interlocutore in quel determinato momento.

Questo punto è una diretta conseguenza della capacità di essere empatici, di immedesimarsi nei panni della persona con cui parliamo, ed ha lo scopo di far capire all’interlocutore che stiamo prestando la massima attenzione e vogliamo incoraggiarlo a continuare.

Quelle appena elencate sono solo alcune delle più importanti tecniche di comunicazione che imparerai ad utilizzare in modo efficace in ogni situazione.

L'esperienza insegna, infatti, che a seconda del contesto è più indicato usarne alcune a discapito di altre, allo scopo di appare più naturali possibile e di non risultare artificiali e costruiti.

Basti pensare all'ambito commerciale, in cui è fondamentale conoscere ed applicare determinate tecniche di vendita.

Nei corsi di formazione organizzati a questo scopo, imparerai tutto questo e molto, molto di più. Il consiglio che mi sento di darti è quello di fare una ricerca e scegliere quello più adatto a te e al tuo attuale livello di competenza.

P.S. Sto cercando di capire se i miei lettori trovano interessanti o meno i contenuti di questa pagina. Se sei interessato a queste tematiche, mi segnali il tuo apprezzamento ad esempio con un "Mi Piace" qui in basso?

In futuro, questo mi aiuterà a capire quali argomenti varrà la pena approfondire e quali no. Ti ringrazio della collaborazione! :)